lavorazioni di finitura

finiture d'interni

In un ambiente interno vi è la necessità di trovare il giusto equilibrio tra colore e arredo, esaltare lo stile dei locali garantendo la massima compatibilità tra supporto e finitura.

Finiture classiche in lavabile o traspirante con eventuale rasatura a gesso, cicli specifici certificati antibatterici e antimuffa, smalti per ferro e per muro con certificazione HACCP, finiture minerali ai silicati marmorini, spatolati e decorativi.

Lavoriamo in ambito civile, pubblico ed industriale.

impalcatura per finitura interno
finiture-interno-faretti
travi-a-vista

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Finiture d’esterno

La salvaguardia di un edificio dall’erosione e dai danni causati degli agenti atmosferici e dall’inquinamento, è alla base di un sano progetto di manutenzione edile. È essenziale comprendere e far comprendere al committente lo stato di salute dell’edificio, al fine di valutare assieme a lui la soluzione che lo soddisfi al meglio. Conoscere il tipo d’intonaco, la provenienza di eventuali lesioni, problematiche legate a punti termici, il posizionamento dell’edificio, sono gli elementi che vengono valutati con il cliente prima di qualsiasi intervento.
Dopo un’accurata verifica dello stato di ancoraggio dell’intonaco e del suo consolidamento, si puo realizzare:

 

RASATURA ARMATA

Consiste in una rasatura in doppio strato di collante cementizio con interposizione nella prima mano di una rete in fibra di vetro annegata nel collante stesso. Successivamente le soluzioni di finitura spaziano tra una pittura od un rivestimento a spessore, entrambe acrilici, silossanici o minerali.

 

FONDI UNIFORMANTI

Quando i cavilli non sono particolarmente marcati, si procede con l’applicazione di fondi pigmentati riempitivi, che, grazie alla loro formulazione granulare permettono di saturare le cavillature. Successivamente si procede alla finitura con pitture riempitive acriliche, silossaniche o minerali, a seconda delle esigenze.

CAPPOTTO

L’isolamento a cappotto mette le superfici dell’edificio in quiete termica proteggendole dalle escursioni termiche.


ARMATURA

Consiste nell’abbattimento dell’intonaco a cavallo della lesione, fino ad individuare una sufficiente superficie utile tra i diversi materiali di costruzione. Si procede quindi con l ’ancoraggio mediante chiodatura tra trave in cls e laterizio. Infine viene ricreato l’intonaco, che rispetti le caratteristiche di quello originale. Una volta eseguito l’intervento viene normalmente proposto un ciclo a rasatura armata.

 

ELASTOMERICI

Per ripartire le tensioni in spazi più ampi, le lesioni vengono aperte con disco rotante, quindi sancite con l’inserimento di un profilo in polietilene espanso a celle chiuse, ricoperto da apposito sigillante elastico. Le finiture successivamente proposte sono:

  • ciclo a pittura elastomerica, previa applicazione di fondo granulare uniformante;
  • un rivestimento a spessore, che associa la caratteristica della flessibilità a quella della traspirabilità. Questo abbinato alla sanificazione delle superfici con sistema a barriera chimica, permette la finitura anche sopra intonaco deumidificante.
finiture-esterno
esterni-finiture
tinteggiatura esterna
Share by: